giovedì 29 luglio 2010

Livello 2.1: ricerca lavoro

Daschy cerca lavoro

Siamo a Fremantle da quasi due settimane.
Siamo in uno degli ostelli più fighi in cui siamo abbiamo soggiornato e si sta troppo bene.
Abbiamo aggiornato i curriculum, che qui si chiamano resume.
Abbiamo cercato offerte di lavoro in internet.
Abbiamo girato una trentina di agenzie di reclutamento (requitments agencies) a Perth per trovare lavoro nell'IT, sentendoci dire da tutte:
Agenzia: "Do you have a resume?". Australici: "Yes, the electronic file." Agenzia consegnandoci il biglietto da visita: "Ok, send an email with your resume at this address".

Oggi Daschy ha girato tante agenzie a Perth. Oggi Demonico si è svegliato alle 4.15 e ha lavorato 10 ore e mezza a caricare e scaricare bagagli dalla nave di crociera con una ventina di compagni dell'ostello per regalarsi le nuove scarpe da corsa. ;-) Fatica? Una passeggiata rispetto ai primi 2 giorni di planting e ad una giornata standard di capsicum picking. Quindi non si sa chi sia stato il più lavativo oggi. :D

Comunque Demonico ha mandato troppi pochi resume in giro... ma ha trovato un lavoro gli interessa molto. Speremo ben.

Demonico

Ping pong

sabato 17 luglio 2010

AustraliciTour: Geraldton, Perth

Venerdì 16 luglio 2010

Ebbene sì siamo arrivati a Perth, il capolinea del tourAustralici... per quanto riguarda il tratto percorso con il nostro fedelissimo van. Ringraziamo il nostro compagno di viaggio per averci portati a destinazione dopo aver percorso oltre 11.000 km!!! (Per la cronaca: Demonico in un anno ne fa 5000 in macchina ;-)

Prima di arrivare nella più grande città del WA, abbiamo trascorso due bei giorni a Geraldton, un paesotto di circa 37.000 abitanti. Ci siamo fatti un giretto per il centro con tutta calma visitando le due attrative principali, la cattedrale di St Francis Xavier e l'HMAS Sydney II memorial, per poi fare un tour per i negozi del centro e rilassarci in biblioteca leggendo libri di fotografia e di cucina. ;-)

L'arrivo a Perth è stato un po' caotico; un bel po' di traffico e la difficoltà nel trovare parcheggio (i 2.5 m di altezza del van a volte sono un problema...) ci hanno fatto desistere nel recarci al centro informazioni. Quindi dopo un paio di telefonate via diretti al Central caravan park a pianificare le prossime mosse da fare per continuare il nostro gioco...

Oggi siamo stati a Freemantle a trovare Riccardo, un giocatore che ha quasi vinto la PR. Diciamo che ci ha trasmesso proprio un sano entusiasmo per continuare al nostro gioco! ;-)

Sì perchè ora, dopo aver ricaricato il livello energia grazie ai 29 giorni di viaggio, mi sa che reiniziamo a giocare...

A presto per i prossimi aggiornamenti!
(Ne vedremo delle belle mi sa ;-)

Demonico


Per saperne di più

giovedì 15 luglio 2010

AustraliciTour: Broome, Exmouth

Point Ganthaume

Lunedì 12 luglio 2010

Foto qui, qui e qui.

Broome è proprio una bella cittadina. Forse un po' troppo turistica. Infatti appena arrivati temevamo di dovercene andare subito, visto che quasi tutti i caravan park del posto non avevano posti disponibili. Fatalità ne abbiamo trovato uno al Tarangau, vicino a Cable beach, ritenuta una delle più belle spiagge del mondo. A Broome, la città delle perle, siamo rimasti 3 giorni. Mi è proprio piaciuta al primo impatto, durante la corsetta d'esplorazione del posto mi son detto: "Vorrei proprio abitarci in una di queste casette!". Infatti quelle della zona residenziale vicino al carvan park erano proprio carine, ben curate e col giardino pieno di piante tropicali.

Cable beach è notevole, una distesa di sabbia bianca con il mare limpidissimo. Al Ganthaume point, in cui nella fase di bassa marea (non il nostro caso) si possono osservare le impronte dei dinosauri lasciati sul fondale marino. Nei cimiteri giapponese e cinese in cui sono seppelliti tutti i lavoratori che hanno contribuito a rendere la cittadina un (il) punto di riferimento per quanto riguarda la raccolta di perle dell'Australia e del mondo (agli inizi del novecento 80% della produzione mondiale). La storia della città l'abbiamo approfondita al museo, all'uscita del quale abbiamo avuto una bella sorpresa: il van non si accendeva più, batteria scarica grazie alle luci dimenticate accese! Qui abbiamo aspettato un paio d'ore dopo aver contattato la compagnia di noleggio che ci ha prontamente mandato un meccanico per risolvere il guasto... vabbè abbiamo aspettato un'ora e mezza ma alla fine è arrivato. ;-)

Per due sere siamo andati nello stesso locale, Matso's, un micro-birrificio nel quale abbiamo ascoltato musica dal vivo, degustando birre molto particolari: blonde, smoked, al mango, al peperoncino (na' bomba!) e al ginger (zenzero).

Se non avessimo i giorni contati per la riconsegna del van ci saremmo sicuramente fatti un paio di settimane a lavorare nel settore del pearling... sarà per la prossima volta! ;-)

Dopo Broome siamo passati per Port Hedland, città mineraria, della quale ci ha colpito il notevole complesso industriale (ho visto il treno più lungo della mia vita!), i road train e la polvere che copriva strade e tutto il resto...

Ora siamo ad Exmouth, località che si trova a pochi km dal Ningaloo Marine Park (11 dollari l'ingresso giornaliero al parco). Per la prima volta abbiamo fatto snorkelling (in realtà solo Daschy, Demonico diciamo che c'ha provato scroccando maschera e boccale del compagno(*) ;-). Una cosa veramente unica, nuotare ad un metro di distanza dai coralli, pesci, polipi, mante e l'ecosistema marino è sicuramente un'esperienza da provare.

Domani si va a Geraldon, 800 e passa km di strada!

Demonico

(*) Qui conviene noleggiare l'attrezzatura per fare snorkelling se si ha intenzione di fare questa attività per uno o due giorni. Il noleggio costa 15 dollari al giorno e ti danno maschera, boccale e pinne. Maschera e boccale nuovi costano minimo 40 dollari. Con le pinne basta aggiungeci ulteriori 100 dollari. ;-)

Ripeto: foto qui, qui e qui! ;-)


Per saperne di più

giovedì 8 luglio 2010

AustraliciTour: Kakadu, Darwin

Martedì 6 luglio 2010

Demonico che si butta

Le foto di questo post si trovano qui!

In questo momento siamo a Fitzroy Crossing, dopo 876 km di viaggio, in gran parte sotto la pioggia. Il caravan park lo possiamo girare in barca, visto che le strade sono allagate. ;-)

Dopo l'ultimo aggiornamento da Katherine ci siamo fermati 2 notti nel parco nazionale del Kakadu, del quale abbiamo contemplato i due aspetti principali che lo caratterizzano: la cultura degli aborigeni che abitano in queste terre da 20.000 anni e le meraviglie naturalistiche, ossia le migliaia di specie animali e vegetali che lo popolano.

I tre giorni successivi li abbiamo trascorsi a Darwin, in perfetto relax e "non facendoci mancare nulla". Bella città (a dire il vero dobbiamo ancora trovare una tappa del nostro trip che non ci piaccia proprio per niente ;-).

Sabato abbiamo seguito l'itinerario di visita suggeritoci dalla Lonely Planet (the Mall, tempio Cinese, Waterfront, Strokes Hill Wharf, Parliament, Library, Bicentellian Park, Esplanade); domenica passeggiata ai giardini Botanici e al Mindil Beach Sunset Markets. E per finire in bellezza cena a buffet di pesce al ristorante del casinò (28 dollari non sono neanche tanti)! Purtroppo a buffet c'erano anche zuppe, carne, contorni, pasta, riso, uova, frutta, bibite analcoliche e... dolci. Le ultime quattro fette di torta forse erano un più, vero Demonico? :D:D:D


Informazioni tecniche

  • Di notte ad Alice Springs 3 gradi, a Tennant Creek si stava bene in sacco a pelo, a Katherine la migliore dormita mai fatta, a Kakadu mangiati vivi dalle zanzare, a Darwin caldo tropicale che piace un sacco a Demonico.
  • Dopo aver superato i 5000 km di viaggio con il nostro van avevamo diritto all'assistenza gratuita dal meccanico di travellers-autobarn. Chiamiamo gli addetti ai lavori che ci hanno prontamente sostituito le 4 ruote. Da quando eravamo ad Uluru il van tendeva a sbandare da una parte: la ruota anteriore sinistra era liscia (slick) e perennemente sgonfia anche dopo appena gonfiata. Grazie ruota comunque per non averci abbandonati. ;-)
  • Al confine tra il Northern Territory e il Western Australia (un po' prima della città di Kununurra) c'è il checkpoint per la quarantena: non si possono portare frutta e verdura freschi, miele, fiori, sementi ecc. Tutto per evitare la contaminazione dell'ambiente, che già è preso male (vedi il cane toad).

Ripeto: Le foto di questo post si trovano qui!

Demonico


Per saperne di più