sabato 18 settembre 2010

Separazione!

Daschy e Demonico

  • 6.30: sveglia, lavaggio faccia, colazione a base di latte, torta fatta in casa e frutta
  • 7.15: obliterazione smart rider e salita in treno
  • 7.44: arrivo a Subiaco. Camminamento di 5 minuti attraverso il parco in direzione ufficio Rockit
  • 7.55: accensione luci, stufetta elettrica (ancora per poco!) e pc
  • 8.00: gmail, google reader, visual studio, software developing
  • 12.30: degustazione pasto preparato il giorno prima
  • 13.00: software developing
  • 16.30: "See you tomorrow!"
  • 16.45: obliterazione smart rider e salita in treno
  • 17.30: vestizione con abbigliamento running
  • 17.40: allenamento running tra 4'20''/km e 3'50''/km tra 12 e 18 km
  • 19.00: internet
  • 19.30: esperimenti culinari
  • 20.00: verifica esperimenti culinari ;-)
  • 20.30: internet o film in inglese o lettura o grammatica inglese o chiacchierata con amici dell'ostello
  • 22.30: buona notte

Questa è la mia giornata tipo. Quella di Daschy è un po' diversa, visto che da una settimana si è trasferito in appartamento. Eh si, gli Australici si sono separati dopo più di 6 mesi passati assieme 24 ore su 24... Ora ne condividono solo 8! Fine settimana esclusi. ;-)

Non preoccupatevi, non abbiamo litigato!!! Daschy aveva voglia di cambiare aria, visto che la vita in ostello è un po' impegnativa (dormite con 6 persone in stanza...), mentre io non mi sono ancora mosso alla ricerca di un nuovo alloggio, ho timore di "isolarmi" troppo dal mondo esterno andando a vivere in appartamento...

Per ora diciamo che ce la godiamo alla grande la nostra "situazione stabile". Il lavoro ci piace e finendo alle 16.30 abbiamo un bel po' di tempo per goderci il resto della giornata. E pensare che in Italia alle 16.30 si faceva la pausa caffè!

La cosa migliore è la flessibilità dell'orario di lavoro. Dobbiamo fare 8 ore al giorno ma siamo noi che decidiamo come gestirle. Io preferisco iniziare presto e finire presto!

Demonico

11 commenti:

  1. Per quanto mi concerne

    * 6.30: sveglia, lavaggio faccia, colazione a base di latte, e muesli
    * 7.15: obliterazione smart rider e salita in treno
    * 7.44: arrivo a Subiaco. Camminamento di 5 minuti attraverso il parco in direzione ufficio Rockit
    * 7.55: accensione luci, stufetta elettrica (ancora per poco!) e pc
    * 8.00: gmail, facebook, visual studio, software developing
    * 12.30: degustazione pasto preparato il giorno prima
    * 13.00: software developing
    * 16.30: "See ya mate!"
    * 16.45: obliterazione smart rider e salita in treno
    * 17.30: vestizione con abbigliamento running
    * 17.40: allenamento running tra 5'/km e 4'30''/km 6.49 km
    * 18.45: esercizi a corpo libero con pesi
    * 20.00 doccia
    * 20.15: cucina
    * 21.00: chiacchierata con le coinquiline sul divano
    * 22.30: chiacchierata con le coinquiline sul divano
    * 23:30 notte

    RispondiElimina
  2. @Daschy: che vita monotona milanese... Ma il principino si fa pure la doccia! :D:D:D

    RispondiElimina
  3. francesca sid-bubi18 settembre 2010 07:58

    eh bravi! separazione consensuale, quindi! :-p beh, buona continuazione ad entrambi, godetevi questo viaggio che sta diventando un'esperienza di vita sempre più complessa! :-) baci!

    RispondiElimina
  4. @francesca: grazie! Beh dai non direi così complessa, anzi! ;-)

    RispondiElimina
  5. Sicuramente però in ostello non ci si può restare sempre

    RispondiElimina
  6. @Anonimo: si e' vero, ma anche in appartamento con 2 ragazze e' piuttosto provante ;)

    RispondiElimina
  7. Ma Milo non devi sentirti appagato, il tuo lavoro non soddisfa i tuoi requisiti, è tecnico, manuale, poco creativo e privo di responsabilità.

    RispondiElimina
  8. Condivido in pieno la scelta di Dem su alzata prestissimo e usicta altrettanto presto, pur non lavorando nell'IT, da matusa ho potuto scegliere entrata 8 uscita 16,30 ed è stata tutta un'altra vita anche in italy.
    Ancora compliments! da una lettrice matusa

    RispondiElimina
  9. QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA' QUALITA'

    RispondiElimina