martedì 5 aprile 2011

Livello 2.1

457

Eh si, è ufficiale, da ieri per Daschy e da sabato scorso per me: gli Australici sono stati condannati dal crudele datore di lavoro a ben 2, dico due anni di lavoro forzato per quest'ultimo... Anzi no, che dico, siamo stati noi stessi a voler entrare nell'ultimo livello del gioco, che però sarà quello più lungo!

Facciamo un passo indietro, esattamente al 298-esimo giorno da cui eravamo sbarcati in OZ. Ebbene in quel pomeriggio in ufficio, dopo 75 giorni di lavoro e a 67 dalla scadenza del primo WHV, abbiamo voluto "affrontare" faccia a faccia il nostro capoccia, al fine di chiedergli... il sognato-benedetto-aspirato-voluto-sudato-studiato Temporary Business (Long Stay) Standard Business Sponsorship (Class 457)!!!

A dire la verità è stato tutto talmente naturale che non ci siamo neanche resi tanto conto, ed effettivamente anche ora (almeno per me) non vedo come altro potesse andare. Peter ci ha detto, "Ok, se a voi va bene io sono contento di farvelo". Punto. ;-)

Siamo finalmente arrivati all'ultimo livello, ora non ci resta che trascorrere questi due anni in OZ lavorando dove siamo ora alla fine dei quali potremmo (sperando non cambino le leggi...) richiedere il premio denominato PR (Permanent Residence).

Bene, ho detto tutto, ci vediamo tra 2 anni allora... anzi no fra qualche mese magari vi facciamo sapere se siamo riusciti a farci rimborsare le tasse che abbiamo pagato durante il primo WHV....

Comunque se volete che scriviamo qualcos'altro chiedete pure, anche se in rete ormai c'è di tutto e di più per quanto riguarda la vita in Australia, visti, lavoro ecc.

Purtroppo a noi Australici piace di più "fare" (dicesi anche agire o meglio ancora "giocare") che "parlare", ma siamo ben contenti di rispondere ad eventuali richieste di informazioni. Infatti mi pare che una volta che uno si "stabilisce" non ha nessun interesse a diffondere al resto del mondo "come si fa", al contrario in rete è pieno di blog e forum di gente che cerca informazioni su come venire/vivere/stabilirsi in Australia. Quindi se avete domande fatene pure! ;-)

Un bel po' di info sulla vita in OZ le trovate qui:

  • yepayepa.net/australia: il blog di Lucio e Manuel, un sacco di informazioni utili da cui abbiamo imparato un mucchio di cose. E fate i complimenti a Lucio che ha ottenuto la cittadinanza qualche mese fa, lui che è sbarcato nel 2006!!!

Qualche informazione tecnica sul nostro visto 457

  • Per richiederlo abbiamo effettuato l'application online (la richiesta insomma). Si devono completare un bel po' di pagine con le proprie informazioni personali. Lo stato dell'application si può salvare temporaneamente, viene assegnato un codice che viene poi riutilizzato per continuare la compilazione nel caso si ritorni in un secondo momento (visto che bisogna procurarsi vari documenti).
  • La richiesta di sponsorizzazione/visto deve essere effettuata sia dal dipendente (noi employee) sia dal datore di lavoro. Questo deve pure fare domanda per entrare nella lista degli employer (datori) che hanno diritto di sponsorizzare un dipendente.
  • Alla fine dell'application abbiamo pagato 265 soldini australiani (veramente poco a mio parere).
  • Fare i documenti in Italia (lettere di referenze dei datori di lavoro, certificati di laurea, lista degli esami ecc.) e pure lo IELTS prendendo più di 5.5 in ogni singola prova (requisito per ottenere il visto) è stato fondamentale.
  • Il visto può durare dai 2 ai 4 anni, alla fine dei 2 si può fare richiesta di residenza permanente. Dobbiamo ancora informarci, ma ci sembra che tale domanda debba essere effettuata dal datore di lavoro.
  • Se il datore ci licenzia abbiamo 28 giorni per lasciare il suolo OZ o trovare un altro sponsor.
  • Ora abbiamo un contratto di lavoro non più ad ore, ma un compenso annuale minimo garantito di categoria previsto per il 457, per noi informatici è sui i 61000 dollari (ma Peter ce ha voluto dare più ;-)). "Mica male... mica male eh?" [Pulp Fiction, zucchino e coniglietta...]
  • Application effettuata il 28 febbraio 2011, visto approvato il 2 aprile 2011.

Cheers, bye

Demonico

PS: pubblicità: se avete fame venite a visitare http://lospadellatore.blogspot.com. ;-)

23 commenti:

  1. Complimenti ragazzi, l'ennesimo esempio di eccellenza Veneta nel mondo!

    Grazie anche per le kind words, fa piacere sapere di essere d'aiuto a chi cerca info sull'Oz.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Il Veneto è rimasto a casa....per fortuna. Altrimenti saremmo ancora sui campi a lamentarci ,)
    Come si sta da cittadini australiani? Meglio residenti permanenti? ,)

    RispondiElimina
  3. Caspita, praticamente ce l'avete fatta ad ottenere quello che volevate... ed entrambi per giunta!!:D Complementonissimi, o, come direbbe un australiano, good onya mates!

    RispondiElimina
  4. @Laura: cheers mate, da qualcuno abbiamo imparato come si doveva fare o no? ;-)
    Tra l'altro, ma il vostro bel blog è defunto?

    RispondiElimina
  5. complimenti per il successo tanto desiderato!
    Una domanda se posso: nella vostra esperienza trovare lavoro come programmatori con un WHV è stato semplice? o il fatto che il visto è temporaneo fa perdere interesse ai datori di lavoro?

    RispondiElimina
  6. @mat: grazie mat!
    Ti scartano perché vedono WHV sul resume? Esatto! Noi abbiamo fatto 4 settimane per quasi tutte le agenzie di recruitment di Perth e fatto il porta a porta diretto ad aziende software (tra cui quella in cui lavoriamo) lasciando il curriculum. Quelle che ci hanno risposto hanno proprio detto che i requisiti per lavorare anche ce li avevamo, ma visto che non avevamo la residenza... avrebbero scelto altri.
    Diciamo che siamo stati moooooolto fortunati. Altrimenti ci saremmo spostati a Melbourne e Sydney dove l'offerta è maggiore.

    RispondiElimina
  7. Ciao posso chiederti una cosa.... quanti anni di esperienza lavorativa avevate prima di venire in Australia???
    Grazie ciaoooo
    e complimenti per il visa

    RispondiElimina
  8. @Francy: 2 anni di lavoro entrambi... grazie per i complimenti!!!

    RispondiElimina
  9. Ehi, vi seguo da molto tempo e non posso che farvi i complimenti: grandi!!!

    RispondiElimina
  10. @Angelo: thanks mate! Anche tu in Australia?

    RispondiElimina
  11. Ahahha, no: teoricamente dovrei partire a Settembre ma attualmente ho in ballo un lavoro dall'altra parte del mondo rispetto a dove siete voi e quindi vedo come giocare bene le mie carte ;)
    In ogni caso vi auguro buona fortuna e magari in futuro ci si vedrà :)
    Che la chiappa sia con voi!

    RispondiElimina
  12. Una storia qualsiasi

    Eravamo ragazzi e ci dicevano: “Studiate, sennò non sarete nessuno nella vita”. Studiammo. Dopo aver studiato ci dissero: “Ma non lo sapete che la laurea non serve a niente? Avreste fatto meglio a imparare un mestiere!”. Lo imparammo. Dopo averlo imparato ci dissero: “Che peccato però, tutto quello studio per finire a fare un mestiere?”. Ci convinsero e lasciammo perdere. Quando lasciammo perdere, rimanemmo senza un centesimo. Ricominciammo a sperare, disperati. Prima eravamo troppo giovani e senza esperienza. Dopo pochissimo tempo eravamo già troppo grandi, con troppa esperienza e troppi titoli. Finalmente trovammo un lavoro, a contratto, ferie non pagate, zero malattie, zero tredicesime, zero Tfr, zero sindacati, zero diritti. Lottammo per difendere quel non lavoro. Non facemmo figli - per senso di responsabilità - e crescemmo. Così ci dissero, dall’alto dei loro lavori trovati facilmente negli anni ‘60, con uno straccio di diploma o la licenza media, quando si vinceva facile davvero: “Siete dei bamboccioni, non volete crescere e mettere su famiglia”. E intanto pagavamo le loro pensioni, mentre dicevamo per sempre addio alle nostre. Ci riproducemmo e ci dissero: “Ma come, senza una sicurezza nè un lavoro con un contratto sicuro fate i figli? Siete degli irresponsabili”. A quel punto non potevamo mica ucciderli. Così emigrammo. Andammo altrove, alla ricerca di un angolo sicuro nel mondo, lo trovammo, ci sentimmo bene. Ci sentimmo finalmente a casa. Ma un giorno, quando meno ce lo aspettavamo, il “Sistema Italia” fallì e tutti si ritrovarono col culo per terra. Allora ci dissero: “Ma perchè non avete fatto nulla per impedirlo?”. A quel punto non potemmo che rispondere:

    “Andatevene affanculo!

    Torto, Breve storia di una generazione

    RispondiElimina
  13. In questa storia breve, c'e' sempre un ripetuto e costante errore: fare le cose perche' siamo convinti da altri. Risolto quello, la storia si sarebbe esaurita al "Eravamo ragazzi e ci dicevano". A dire la verita' non vedo l'ora che l'Italia vada in default. Perche' poi sara' come i nuovi anni 50-60.

    RispondiElimina
  14. Ciao ragazzi! complimenti x il tanto agognato e sudato 457!!
    Posso permettermi di farvi una domanda?
    Vorrei sapere...con i vostri due anni di esperienza alle spalle, siete riusciti a "skillarvi" all'ACS (Australian Computer Society, n.d.r.)? Da quel che leggo, sembra piuttosto complicato...certificati, referenze dai datori di lavoro, anni di esperienza alle spalle (rigorosamente non Junior level)..Mi sento fragato già in partenza :(

    RispondiElimina
  15. @Miky, non abbiamo mai applicato per il visa al quale ti riferisci. Abbiamo applicato solo per il 457 (Employer Sponsored), quello di cui parli tu mi sembra sia il 175 (Indipendent Skilled Visa). La differenza e' che per il primo hai bisogno di un datore di lavoro che ti richieda. Il secondo e' tutto a tuo carico, con tutte le complicazioni del caso. All'inizio avevamo visto l'175 ma non avevamo i requisiti in termini di numero d'anni di esperienza. Ad ogni modo e' tutto ben spiegato qui http://www.acs.org.au/index.cfm?action=show&conID=skillassessment .

    Per i documenti che devi presentare prova a sentire un agente di immigrazione, prima. Se contatti l'Associazione Italia Australia (http://www.australiaitalia.it/) ti sapranno sicuramente dare qualche dritta.

    RispondiElimina
  16. @Daschy, Parlavo proprio del 457, la pagina che mi indichi è quella da cui ho reperito le info che mi hanno un pò messo in crisi (o forse ho letto un pò troppo di fretta), ma se dici che anche con un paio di anni di esperienza alle spalle (e un livello di istruzione competente ovviamente) ce l'avete fatta, allora mi hai riacceso le lucine della speranza :)
    Grazie mille!!

    RispondiElimina
  17. Siete mitici! Leggo i vostri messaggi sempre con molto piacere :)
    una domanda, ma come mai avete fatto i 3 mesi di lavoro in farm invece di mettervi subito a cercare lavoro nel vostro campo? era semplicemente per assicurarvi il 2 WHV e migliorare l'inglese?
    Grazie!

    RispondiElimina
  18. @Oliver: esatto. E il 2WHV serviva per aumentare il tempo di permanenza e quindi le chance. "Perdere" 3 mesi (con stipendio) per guadagnarne 12 (il 2WHV) conviene. In secondo luogo considera che durante il 2WHV puoi lavorare per lo stesso datore di lavoro per cui hai lavorato durante il primo.

    RispondiElimina
  19. Cani.... 61000 dollari all'anno! Vergogna e mandatene un po' agli amici poveri!

    RispondiElimina
  20. @Destinazione Estero: ho visto che siete ad Asmara...Mio padre e' nato proprio la'... ,) Io non ci sono ancora andato. Prima di leggere il blog e con 2 parole com'e' la situazione ora la'?

    Cheers
    Daschy

    RispondiElimina
  21. ho trovato questo articolo interessante e mi siete venuti in mente voi, che vi leggo con curiosità ma non commento mai. Che ne pensate? (leggete anche i commenti)
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/11/08/esodo-italiani-australia-in-un-anno-60-mila/168888/

    RispondiElimina